SFORMATO AROMATICO DI MAIALE

Immagino gia’ stuoli di Americani accasciarsi al suolo alla foto degli ingredienti! E magari anche qualche Italiano con la puzza sotto il naso. Lasciate che si accascino, poverini, vittime della loro barbarica non-cucina e della loro supponenza. Questo piatto e’ l’antitesi di tutto cio’ che e’ fast-food: cibo senz’ anima, globalizzato, geneticamente modificato, pre-cotto, pre-confezionato, pre-masticato, pre-digerito, non ci resta che ingoiare e cagare.

Questo non e’ un piatto per smidollati culinari, ma per buongustai con papille e controcoglioni, quelli che amano i sapori decisi della cucina “povera” di casa nostra. Una cucina onesta, tutta sapore e niente fronzoli o masturbazioni dietetiche. Sformato fatto con gli scarti del maiale (di cui non si butta via niente) aromatizzati con cannella, noce moscata, chiodi di garfano, semi di finocchio, pistacchio, sale, pepe, peperoncino e vino bianco, liberamente ispirato alla celeberrima Testa in Cassetta.

Lasciate che i fessi si ingozzino di hamburgers ormonali, hot-dogs chimici e finte-pizze cartonate. Io godo con una bella fetta di pane Toscano abbrustolito con su una bella fettina di sformato aromatico di maiale, battezzata con una lacrima di extra-vergine. Ed un bicchiere di rosso, ovviamente!

INGREDIENTI:  orecchie di maiale, muso, lingua, lonza, stomaco

Mettete on po’ di olio di oliva in fondo ad un pentolone, soffriggete le carni e salate. Coprite il tutto con acqua ed aggiungete una carota, una cipolla tagliata a meta’, due foglie di alloro, due bicchieri di vino bianco ed un fagottino di garza contenente tutte le spezie: mezza stecca di cannella, tre chiodi di garofano, una scheggia di noce moscata, semi di finocchio, un peperoncino. Fate bollire per circa tre ore, fino a quando le carni non diventano tenere.

Scolate i pezzi di carne, e tagliateli a striscioline e cubetti. Trasferite in una terrina e condite con extra vergine, aggiungete una manciata di semi di finocchio e pistacchi freschi, salate e pepate. A questo punto potete gia’assaggiare l’impasto che e’ ottimo!

Versate il tutto in un contenitore stretto, coprite con il brodo di cottura che avrete filtrato e sgrassato, metteteci sopra una tavoletta di legno e dei pesi per pressare l’impasto poi mettete in frigo per una notte.

Il giorno seguente, estraete delicatamente lo sformato e rovesciatelo in un piatto di portata. Lasciatelo riposare a temperatura ambiente per un’oretta, poi affettate e mettete su una fetta di buon pane abbrustolito e condite con ottimo olio di oliva. Per la foto mi sono divertito a decorare lo sformato con capperi e peperoni arrostiti. Quanto e’ buono? Beh, l’ho gia fatto tre volte!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: